Home / Tradizioni / Perché le donne indiane hanno il puntino sulla fronte
??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Perché le donne indiane hanno il puntino sulla fronte

La cultura indiana è caratterizzata da abiti dai colori sgargianti e dall’uso di magnifici accessori, spesso in oro, che impreziosiscono e valorizzano la persona che li indossa.

Tra i vari elementi decorativi della cultura indiana, non possiamo far a meno di pensare al famoso puntino rosso che le donne indiane hanno sulla fronte.

Il bindi

Iniziamo col dire che quel puntino ha un nome e si chiama “bindi” e lo si può trovare non  solo sulla fronte delle donne indiane o meglio indù, ma anche su quella di molti uomini.

A causa dei numerosi dialetti che si parlano in tutta l’India, il bindi è noto con molti altri nomi, tra cui: bottu, kumkum, pottu, sindoor, teep, tikli, tika, tilak, tilaka e tilakam.

La parola “bindi” deriva dalla parola “bindu” che significa “goccia” o “punto” in sanscrito.

Il colore, in genere rosso, che si usa per realizzare un bindi si ricava attraverso diverse sostanze:

Polvere: la tradizione vuole che si utilizzi della polvere colorata (una sorta quindi di pigmento) che poi viene applicata con un dito sulla fronte a formare il bindi.

Le sostanze impiegate per produrre questa polvere sono variate nel tempo, ma solitamente viene utilizzata una delle seguenti:

Kumkum: si tratta di una polvere di curcuma rossa. La curcuma è una delle sostanze più tradizionali utilizzate per la creazione del bindi, e in passato veniva combinata con calce e altri ingredienti a base di erbe per creare la base per la pasta bindi.

– Pasta di sandalo

– Ceneri (chiamati vibhuti)

– Argilla

– Ossido di zinco: viene fatto un miscuglio con polvere di ossido di zinco e colorante

– Vermilion: questa è una polvere contenente cinabro che è una fonte di solfuro di mercurio, un composto pericolosamente tossico. A volte contiene tetrossido di piombo che è stato dimostrato essere cancerogeno per gli animali da laboratorio. Il mercurio e il vermiglio pieni di piombo sono pericolosi e non devono essere usati.

– Zafferano macinato insieme al fiore di kusumba

Adesivo: viene realizzato tramite carta o resina ed è largamente usato oggi perché è più facile da applicare rispetto alla polvere tradizionale.

Altri materiali naturali: nei tempi antichi le foglie, semi, frutta e anche la fuliggine sono stati utilizzati per creare i bindi.

Una domanda però rimane:

Perché le donne indiane hanno il puntino sulla fronte?

Ci sono un’abbondanza di teorie sul significato dietro l’antica tradizione di indossare un bindi. Ecco alcune delle teorie che svelano il mistero del fronte indiano:

Teoria 1: Un residuo di una vecchia tradizione ariana del matrimonio

Anche se il bindi è indossato quotidianamente da molte donne, veniva indossato principalmente nella cerimonia di matrimonio indù.
Dopo il matrimonio molte donne scelgono di indossare un bindi rosso e ciò portò all’idea che sono solo donne indù sposate che ne indossano uno, ma non è così dal momento che lo indossano anche gli uomini.

Perché l’associazione di indossare il bindi con il matrimonio?

 Una teoria che risale al 1500 a.C., epoca in cui una razza indoeuropea chiara chiamata ariana, avrebbe conquistato l’India, aveva come rituale per le nozze che il matrimonio venisse sigillato con il sangue: lo sposo doveva applicare una goccia del proprio sangue sulla fronte della sua nuova sposa come parte della cerimonia.
La teoria è che nel corso del tempo questa tradizione è stata modificata per applicare la polvere rossa anziché il sangue.
Questa antica associazione matrimoniale del punto rosso può spiegare la tradizione dell’esistenza di una elevata prevalenza di donne sposate che indossano un punto rosso sulla fronte.
 
È interessante notare che anche nei matrimoni coreani vi è una tradizione simile, con la sposa che indossa un punto decorativo frontale.
L’origine di questa tradizione non è chiara, ma alcune fonti suggeriscono che gli ariani potrebbero aver raggiunto anche alcuni insediamenti coreani.

Teoria 2: È indossato per rafforzare il chakra delle fronte

Intorno al 3000 a.C., i veggenti dell’India antica scrissero dei testi noti come i Veda e in essi descrivevano l’esistenza di aree di energia concentrata nel campo energetico del corpo umano.
Questi centri di energia sono stati chiamati “chakra”.
Ci sono sette chakra principali che corrono lungo il corpo e il sesto è chiamato “chakra della fronte”, ajna o “terzo occhio” e si trova esattamente dove viene posto il bindi.
Ogni chakra si crede che abbia diverse proprietà e il bindi dovrebbe rafforzare le qualità positive del chakra della fronte che includono:
Accesso alla saggezza interiore: c’è una credenza spirituale in base alla quale ciascuno di noi possiede una saggezza interiore (anche se non sempre lo accediamo purtroppo perché spesso siamo distratti dalla mente che chiacchiera).
Questa saggezza interiore viene definita come il “Guru interiore”.
Il chakra della fronte è considerato essere la sede della nostra saggezza nascosta e centro di comando del Guru interiore.
Mettere il bindi sulla fronte, mira ad aiutarti ad accedere al Guru interiore, per facilitare la tua capacità di vedere il mondo con gli occhi più saggi e interpretare le cose che vedi in modo veritiero e imparziale.
Poichè consente di vedere il mondo attraverso la saggezza e la verità, diventa chiaro perché questo chakra è talvolta chiamato “terzo occhio”.
Poiché il “Guru interiore” è così saggio che può trovare soluzioni a tutto, rafforzare questo chakra con un bindi è un modo anche di proteggerti contro situazioni difficili e sfortunate.
Aiuta a superare l’ego: “l’io” e il nostro “falso sé”: con questo intendo che noi siamo ciò che la nostra mente pensa di essere, piuttosto che chi siamo veramente.
La mente ci dà tutti i tipi di etichette a seconda del nostro lavoro, il nostro ruolo familiare (figlia, madre, zia, ecc.), la nostra personalità (introvertito / estroverso, perfezionista, geloso ecc.) e altre etichette che non sono rilevanti al fine di capire chi siamo realmente nella nostra interiorità.
Il Guru interiore ti aiuta a evitare di essere catturati da tutte queste false etichette e di attenerti al tuo vero sé.
Ci sono momenti in cui il rafforzamento di questo Guru interiore e la soppressione dell’Io sono particolarmente importanti:
Aiuta le donne sposate a lasciar andare i loro attaccamenti alla loro vecchia vita: questo può essere un altro motivo per cui il bindi è indossato nella cerimonia di matrimonio e poi da donne sposate.
aaa
Secondo l’antica tradizione, quando una donna indù si sposa, rinuncia al suo nome e ai suoi vecchi dispositivi di vita quando si trasferisce nella casa del suo nuovo marito.
 – Diminuisce l’ego di persone importanti: a volte persone che hanno ruoli molto rispettati, come sacerdoti, registi e politici importanti possono indossare un bindi per ricordarsi di non essere portati via dall’etichetta dell’ego di “persone importanti”.
– Aiuta a meditare: La capacità del guru interiore di aiutare a calmare l’ego aiuta anche a distogliere inutili pensieri ed emozioni inutili, o la “mente che chiacchiera”.
Questo risulta utile durante le pratiche spirituali e la meditazione.
– Aiuta a promuovere la pace della mente: dal momento che il bindi mira a calmare l’ego con i suoi pensieri spesso critici ed emozioni negative, contribuisce a promuovere la pace interiore e aiuta la concentrazione in generale, su qualsiasi compito da svolgere.

 

aaa

Leggi anche

Perché si festeggia il carnevale

“Viva viva il Carnevale con il pepe e con il sale, la tristezza manda via ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *