Home / Cultura / Perché si chiama alfabeto

Perché si chiama alfabeto

L’alfabeto, non è altro che una sequenza di segni grafici e lettere che utilizziamo per esprimere in forma scritta le parole e i suoni della propria lingua, e rappresenta senza dubbio la più importante scoperta dell’umanità.

Ma perché si chiama così? Il termine alfabeto deriva proprio dalle prime due lettere dell’alfabeto greco: Alfa e Beta, anche se bisogna ricordare che non furono i greci ad inventare la scrittura ma l’antico popolo dei Sumeri, abitanti della Mesopotamia, tra il 3250 e il 3100 a.C., ed era una scrittura cuneiforme, cioè una scrittura composta da segni che avevano l’aspetto si piccoli cunei.

Successivamente i Fenici sostituirono i segni alle parole, quindi se il segno che indicava la parola “casa” si pronunciava beth quel segno indicavo ora solo il suono iniziale di beth, cioè b, e così anche per le altre parole. Però l’alfabeto fenicio era costituito solo dalle consonanti in quanto nelle lingue semitiche sono le consonanti la colonna portante di una parola.

Furono poi i Greci ad introdurre l’suo delle vocali nell’alfabeto e a modificare la posizione e l’orientamento della scrittura.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dai Greci l’alfabeto si diffuse tra gli Etruschi, poi tra i Latini,e grazie a costoro si diffuse in tutto l’Occidente dando così origine al nostro alfabeto.

Leggi anche

Perché alcune statue sono senza braccia

Molte statue rinvenute in tempi moderni sono senza braccia, ma il motivo è meno scontato ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *