Home / Animali / Perché gli animali non possono parlare

Perché gli animali non possono parlare

Per essere precisi gli animali non possono parlare come gli esseri umani. In realtà gli animali parlano, comunicano, non nel modo tradizionale in cui siamo abituati a pensare.

Sono stati osservati nel mondo dei volatili  una moltitudine di linguaggi anche molto articolati. Non dobbiamo immaginare che si facciano chiacchierate del tipo: “cip cip, che hai mangiato oggi?” – “cip cip – degli ottimi vermi freschi”.

Molte specie indicano con i loro versi se c’è un pericolo in zona, se desiderano accoppiarsi o come segni di avvertimento per eventuali nemici.

Se invece ci stiamo domandando del perché non possano emettere fonemi umani la spiegazione è dovuta alla conformazione fisica dei vari animali.

Le corde vocali umane difatti sono un complesso sistema di muscoli e lamelle che vibrano in un modo particolare. Ogni essere umano ha un timbro diverso determinato dalla forma del cranio, dalla dimensione della cassa toracica e da come abbiamo imparato da piccoli a pronunciare le singole parole.

Tuttavia ci sono alcuni animali che si sforzano ad imitare i versi umani. Il classico esempio è dato da alcune specie di pappagalli o merli ma in quel caso le loro parole non sono dialoghi ma “imitazioni di suoni” che ripetono appunto a “pappagallo”

Alcuni video simpatici su YouTube ci mostrano invece alcuni cani che tentano di dire alcune parole umane con risultati tutt’altro che precisi ma che comunque strappano un sorriso

 

Leggi anche

Perché i cani quando si accoppiano non si staccano

Diciamoci la verità: i nostri amici pelosi sono spesso “su di giri” e quante volte nostro malgrado, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *